Articoli

Piccola guida al rientro

Il titolo è un po’ trito, lo comprendo. Ma come potremmo non discorrere di quel periodo di limbo da rientro durante il quale sembriamo vivere una sorta di “schizofrenia” separando temporaneamente la parte di noi stessi legata ai ricordi di caldi tepori e sonore risate dall’indaffarato tentativo di riorganizzazione della nostra vita quotidiana.
Cerchiamo di focalizzarci sul piccolo galateo da conversazione post vacanziera allora:
  • sicuramente il consiglio di base è sempre quello di interessarsi maggiormente a ciò che è accaduto al nostro interlocutore durante il trascorrere dei mesi estivi. Può accadere, non di rado, che l’amico con cui si stia discorrendo abbia vissuto un periodo di ferie non esattamente esaltante. In questo caso sarà bene glissare sulle nostre eventuali vacanze mirabolanti interessandosi con attenzione e cortesia a ciò che stiamo ascolando.
  • In second’ordine eviterei di inondare il nostro compagno di conversazione utilizzando nomignoli e soprannomi di vari amici ed amiche la cui fattezza questi ignori bellamente: “Siamo andati in barca con la Cicci, il Puppi e la Francy e poi ha chiamato anche il Ricky dicendo che ci avrebbe raggiunti con la Raffi…”
  • A meno che non si tratti di un pranzo di famiglia, con allegra partecipazione di nonni adoranti, ricordiamo che l’ostensione delle duemilacinquecento fotografie dei bambini che, leggiadri, giocano col paguro di turno, è cosa che poco importi a tutto il resto del mondo.
    Se doveste imbattervi nei veri appassionati di pomeriggi fotografici ricordate di chiedere loro conferma almeno tre volte prima di dare inizio alla mostra della lunga serie di scatti estivi.
  • Per terminare è bene tenere a mente che nessuno si è mai sentito offeso nel ricevere un seppur minimale “ricordino” trasportato in aree cittadine dal vostro luogo di villeggiatura.

Settembre… la fine e l’inizio di tutto. Viviamo questo mese in modo inebriante cercando di trarre il meglio dalla nuova aria frizzantina che già profuma d’autunno e dal lento cambiamento dei colori che pian piano virano al rosso e al giallo invitando alla riflessione.
Buon ritorno!